martedì, maggio 15, 2007

jug Padova meeting

Guys, Saturday may 18th, in Padova, there will be the java user group Padova Meeting n. 35.
We will talk about FIT - Automatic Acceptance Testing, but mainly about the great framework Parancoe.
I will not be present because I have already scheduled, for a long time, a short holiday in Bratislava for that date.
I will have, with other two guys of JUG PD, a presentation of Parancoe at jazoon 2007 in zurich.

lunedì, maggio 14, 2007

simple development roles

Here a list of simple rules that I try to follow on my job as software developer.

- Dividi et impera;
- DRY - Don't repeat yourself;
- Convention Over Configuration;
- SOC - Separation Of Concerns;
- never say "on my computer it works";
- never say "someone has changed my code";
- webapp should work for any vendor AS type.

But, most important of all... "more women in the development team".

giovedì, maggio 10, 2007

La rana e lo scorpione

Una rana e uno scorpione si incontrarono davanti a un fiume. Entrambi volevano passare dall´altra parte, e se la rana non aveva difficoltà, lo scorpione era preoccupato, perché non sapeva nuotare.

Per piacere, mia cara rana, mi porteresti dall´altra parte del ruscello?" chiese lo scorpione, con la voce più dolce che gli riuscì di fare.
"Fossi matta!" gli rispose la rana "Non provare nemmeno ad avvicinarti, non ho nessuna voglia di farmi pungere da te".
"Ma ragiona, ranocchietta: se tu mi aiuti a passare il fiume prendendomi sulla groppa, io mai e poi mai ti pungerei: se lo facessi, annegherei, perché non so nuotare".
La rana rifletté, e decise di aiutare lo scorpione, un po´ perché aveva paura che altrimenti la avrebbe punta, un po´ perché era un animale generoso, e dopo tutto lo scorpione non le aveva fatto niente di male.
E così lo scorpione saltò in groppa alla rana, e tutti e due si buttarono in acqua. Erano già a metà del percorso, proprio in mezzo al fiume, quando la rana sentì un dolore acutissimo sulla schiena. "Ma come?" esclamò "mi hai punta! E ora moriremo tutti e due, io per il veleno, e tu perché annegherai! ?Ma perché lo hai fatto?" E lo scorpione rispose: "Già, perché l´ho fatto? Perché pungere è la mia natura, e io non posso farci niente".

mercoledì, maggio 09, 2007

supplica a mia madre - Pasolini

È difficile dire con parole di figlio
ciò a cui nel cuore ben poco assomiglio.

Tu sei la sola al mondo che sa, del mio cuore,
ciò che è stato sempre, prima d'ogni altro amore.

Per questo devo dirti ciò ch'è orrendo conoscere :
è dentro la tua grazia che nasce la mia angoscia

Sei insostituibile. Per questo è dannata
alla solitudine la vita che mi hai data.

E non voglio esser solo. Ho un'infinita fame
d'amore, dell'amore di corpi senza anima.

Perché l'anima è in te, sei tu, ma tu
sei mia madre e il tuo amore è la mia shiavitù

ho passato l'infanzia schiavo di questo senso
alto, irrimediabile, di un impegno immenso.

Era l'unico modo per sentire la vita
l'unica tinta, l'unica forma : ora è finita.

Sopravviviamo : ed è la confusione
di una vita rinata fuori dalla ragione.

Ti supplico, ah, ti supplico : non voler morire.
Sono qui, solo, con te, in un futuro aprile...